The incredible flowery desert of Atacama


Framed between the volcanoes of the magnificent Andes mountain range and the Pacific Ocean the Atacama Desert, one of the most visited places in Chile, has become famous for a natural phenomenon for which it has been nicknamed "florid desierto”: the flowery desert.
Atacama it is not a place like the others because its apparently lifeless landscape unexpectedly manages to "color itself" thanks to the extraordinary flowering of dozens of species of flowers and the sandy landscape of this desert becomes an expanse as far as the eye can see of many shades of pink, lilac, purple and white.

The driest place on earth

The largest desert on earth is the Sahara ma the record for the driest place on earth belongs to the Atacama desert.
Tourists from all over the world choose it for its national parks, pristine beaches, breathtaking mountain landscapes and protected natural areas, but above all as an extreme travel destination.
They wish they could discover a truly inhospitable, almost unlivable place, where the temperature range fluctuates between 35 degrees during the day and - 7 at night and experience the sensation of walking on a terrain that resembles that of Mars.

What makes this desert unique in the world?

There "Humboldt current", a cold sea current of the Pacific Ocean which laps the northern coast of Chile, reduces marine evaporation, does not allow the formation of clouds and is the cause of the area's very dry, cool and sunny climate.
This effect, combined with the fact that the Chilean desert is protected from residual moisture from Andes mountain range to the east and from the coastal mountains to the west, it makes up the Atacama Desert the least rainy place on earth, where is it on average, no more than 0.08 mm of rain falls each year.

From arid desert to carpet of flowers

The flowering of the Chilean desert is a recurring gift of the climatic phenomenon known as "El Niño" whose hot current that reaches the western coasts of South America and the northern part of Chile brings much more abundant rains than usual on the entire western coast of the American continent, even with a reverse character, capable of making the desert of Atacama with the fall of a few millimeters of water.
There are more than 200 plant species in the area with a formidable ability to adapt, some on the verge of extinction, capable of resisting the aridity of the subsoil that absorb a large amount of water during the very rare rains and which, when they bloom, pervade the desert with unusual scents and colors.
Flowering usually occurs every five to seven years
but it often takes more than ten before the world can once again admire the majestic multicolored landscape of the Atacama in all its splendor.
Although the last flowering dates back to 2015, even in August of this year the desert blossomed and many tourists on vacation in Chile have posted photos of the flowery desert and their emotional testimony of this wonderful nature show went viral through the hashtag # DesiertoFlorido2017.

Laura Cannarella

Do you think the information in this article is incomplete or inaccurate? Send us a report to help us improve!



Reviews The roses of Atacama

"I don't know the man who stops on the river bank, who breathes deeply and smiles as he recognizes the scents that float in the air. I don't know him, but I know that man is my brother." (From the short story "Night in the Aguaruna Forest") What do a Jew who escaped the experiments of the Nazi camps and the indigenous people of Amazonia have in common, an eighty-year-old writer and a plumber who decides to teach women his trade? Resistance, in the strict sense some, and in a broad sense others. 35 tales, 35 stories that intertwine, 35 (and more) characters who have entered the life of Sepúlveda, leaving him a fond memory. Many of these people have inspired famous characters in her novels, including Zorba, a very affectionate protagonist of "Story of a seagull and a cat who taught her to fly", a story written in honor of the writer's pet, so loved by her family. sons. In a carnival of different professions and life experiences, Sepúlveda introduces part of the modern and contemporary history of some lands, including Chile and the former Yugoslavia, which have lived in terror for years. I loved every character and every story. Sepúlveda is a master at mixing tenderness and passion, delicacy and strength. I absolutely recommend it.

A collection of very short writings and stories, in the manner of storytellers. A Sepulveda citizen of the world accompanies us in marginal places and situations - as he himself says - with a dry language, without frills, but powerful and poetic. Of each story, of each character, of each desert rose, a treasure, nostalgia and love remain in inheritance. A beautiful book.

A book that opens a window on different worlds. A journey with the mind, through the eyes and the pen of one of the greatest Latin American authors. Suggestive descriptions, suggestive characters. You would like each story to never end and for the stories to follow one another indefinitely.

His book that I loved the most. He speaks to us of a humanity defeated and indomitable in that way of his, only at times a little rhetorical.

Sepulveda calls them "marginal stories", because they will never fit into any history book, and then the Chilean writer takes on the responsibility of telling their stories. And what stories.

I have always loved Sepulveda, but in this book there is a clear message on the value of memory and the feeling of belonging to a place, to a people, to free thought. How to forget Mr. Nobody or The brunette and the blonde. The poignant poetry of someone who has lived a real life and thanks to the pen of a great man returns to live forever and does not fall into oblivion. And then the Merry Christmas story! Windows opens onto the eternal dilemma: will my sign remain or will I leave only a name? Thanks to Sepulveda we know stories of infinite value that we would ignore without his feeling. Book to read if you love Latin American literature.

The leitmotif of this wonderful book is the journey. There are 34 stories of people who have been able to resist stoically in their lives without giving in to compromises. Only apparently marginal characters who with their stories have emerged from the darkness of oblivion.

A very intense and moving book. Indeed, more precisely than a book, obviously an anthology of short stories. Anthology that, with the concise style, practical but also dreamer and ideological as well as sometimes melancholy of the author, manages to keep you involved much more than in other stories because the stories are inspired by sections and segments of real life, intense, desperate and sometimes dragged along with the sense of the inevitable fate typical of strangers. Able like few others to tell the pitiful, miserable but also powerful and courageous stories of people who, after all, have no history, never had it and never will, if not in the sense of personal redemption, of love. own, of honor. The title itself is not accidental. Just as desert roses bloom only one day a year, destiny seems to grant only one chance for redemption in life to the characters of the various stories. Towards others or personal or both matters little. The characters described have only one chance, and even if they fail to redeem themselves in front of others, emancipation from the damnation of living takes place within themselves. It does not differ from the other works I have read of Sepulveda (almost all of them, I must say.) And which constitute, together with those of Isabel Allende, Garcia Marquez, Coloane, Vargas Llosa and other South Americans, that category of writers who, in their narration stories with the typical style absolutely devoid of rhetoric, the more I was passionate about.

wonderful. pure poetry.

Very nice taking a cue from apparently secondary figures, Sepulveda traces their importance by telling their stories, or simply episodes that involved them. Thus, the author seems to tell us, we understand the true values ​​and true human greatness, which often go beyond the social class, race, age. A book to reflect, as well as to spend hours of pleasant reading.

I liked it very much, and I'm reading it, after a few months, for the second time .. there is hope, love, passion, the magic of simplicity, marginality that is only apparently such. and much more that is difficult to describe with words, only Sepulveda can do it .. the story of the cat will remain forever in my heart, every time I read it I get tears in my eyes .. it's strange how words can arouse emotions so strong.

It is a book not only to be read, but above all to be savored, to be enjoyed in all its parts. It is a book that makes life breathe, which describes the life that breathes.

to read. is a book that recalls the importance and the magic of the human being .. makes you want to meet and travel!

this book is fantastic. Although different stories are all magical and each has something that leaves you speechless. Great.

I have never read a book more boring and distracting than this .. much better the seagull and the cat

Very beautiful. You can live many shades of life. Who can say then, where is the best way? The one that everyone has within himself. It should be read.

Some of these stories manage to get into your heart! They hug your stomach to give you a feeling of sweet melancholy!

Great book hope is the last to die and this book pushes you to hope

To those who want to know if roses bloom in the Atacama desert I can say no, not roses but yes, lots of flowers and for this a few drops of rain are enough and in the spring months we have the flowered desert, beautiful very beautiful, I would say unique. Hi Laura

Wonderful in its simplicity

Stories are a succession of emotions where even the simplest stories remain etched in the memory

It's a beautiful book, and I read it to myself in the "right" atmosphere, while I was on the train and on my way home. It made me realize how beautiful the wait is and the journey itself. The train was very late and there were those who were angry. I was happy, because so, in six hours, I was able to read it all. Really beautiful. Read it !!

I immersed myself in it on my commute to the University of Messina. I have read many writings by famous and non-famous authors, but Sepùlveda is truly immense, it touches you deeply with simple words. The pages ran faster than the moving train! APPLE TREE

It is not a book written by Sepulveda, it is Sepulveda. Wonderful as always

More and more artificial in the invention, more and more banal in style. Best-seller, of course.

Generally I don't really like short story books but I liked this a lot. I have read it for some time, but I still remember well the emotion it gave me.

All the stories in the book are intense, but one above all, in my opinion, is exceptional: "Rosella the most beautiful" is incredibly tender. Because there is no longer the Trattoria del Mercato! Rosella where are you? I have never met you in person, but through the Sepulveda story you will remain forever in my heart!

I have not read all of Sepulveda, but I liked this book. Some of the stories are really beautiful and I will carry them for a long time inside me.

Some "roses" are unforgettable: how else to define the pages dedicated to the cat protagonist of the seagull? Love, death, children, purity of soul in four pages that will remain with me forever.


Flowers and Leaves

The incredible flowering in the Llanos de Challe park in the Chilean desert

Rain for us city dwellers is just synonymous with wet and uncomfortable. But in other places on Earth, rain is not a usual event, but an exceptional gift from heaven. As happens for example in one of the areas more arid of the planet, the Atacama desert in Chile (yes, just that of the Solar Challenge). Where for years there was only sand and rock, here are corollas shining that open from day to night in the most hostile environment imaginable: the miracle only happens every 4-5 years, from September to November approximately. And, seeing the photos of the Llanos de Challe national park, 660 kilometers from Santiago, 2011 was a good year for the Chilean flowered desert: it was not since 1989 that there has been such a spectacle ...

Colorful, these flowers are samples of patience and synonymous with infinite waiting. They wait and still, they wait. Holding on, always alive, often in the form of buried bulbs or rhizomes, with the "engines" at a minimum, just to ensure the survival of plant tissues.

But hardly the water arrives in the form of rain or condensation (minimum 15 mm to be able to "restore" life to the dunes), the wait ends: plants feed on it and explode in a symphony of colors. But not all together. Alternating each other, so as not to waste the only very precious opportunity to be visited by insects which, attracted for the occasion, pollinating the flowers, will ensure them a future generation. A fundamental lineage for these species, over 200, given that many of them do not live in other parts of the planet: they are therefore rare and, living in such extreme conditions, it is easy for them become extinct definitely.

Leontochir ovallei, the queen of the Chilean desert

THE FLOWERS OF THE CHILEAN DESERT
We give a name for the plant inhabitants of the Chilean desert? The "Azulillos" (Pasithea coerulea) blue, the "Patas de Guanaco" (Calandrinia longiscapa) of a bright fuchsia, the "Sospiri" (Nolana elegans) white veiled blue or the spectacular fire red "lion's claw" (Leontochir ovallei), true plant-symbol whose bulbs are found deep in the sand of the desert of Chile. Unfortunately it is very difficult to protect these species in the absence of income: in fact, the park managers cannot guarantee the "flowered desert" and, if so, the warning they can give to tourists is a few months old.


"Santiago, Italy" by Nanni Moretti: the Italy that lived Chile as a brother and the globalization that distances us

By Walter Veltroni

Salvador Allende (with helmet) during the coup led by General Pinochet: the Chilean president died on 11 September 1973

«Who has memory is able to live in the fragility of the present time. Those who have none do not live anywhere ». These are the words of a documentary by Patricio Guzmбn entitled «The nostalgia of light».

In Chile, the director's homeland, there is a legendary place, the Atacama Desert. A very powerful observatory has been installed there which allows scientists to scrutinize the stars in the most favorable conditions. There it is said that, after heavy rains, flowers sprout making the impossible possible: a flowery desert. There, in the place of stars and flowers, elderly women do not stop looking for the remains of their children in the bare earth. Because, in the immensity of the desert, the Pinochet regime set up places of torture for Chilean democrats. The South American authoritarian regimes of the 1970s practiced the systematic disappearance of opponents. They disappeared, girls and boys from Argentina or Chile. They became nothing in the world. If we think about it, the word "desaparecidos" is among the most inhumane that history has known.

Not a body, not a certainty. Just a void. Like what, hooded, the anti-fascists must have felt under them as they were flown by military aircraft.

The new film by Nanni Moretti, «Santiago, Italy» is a sober, exciting and rigorous hymn to the value of memory, one of the assets we are losing most in this «presentist» time, indifferent to the past and frightened by the future.

For a generation of Italian children, Chile was a dream and tragedy, joy and despair. It seemed that it was finally possible to combine socialism and freedom, the two separate brothers of twentieth-century communism. Where Dubcek had failed, crushed in blood by Soviet tanks, the mild Allende seemed able to succeed. In an unforgettable interview with Roberto Rossellini, he reaffirmed the link of his experience with the most suffered values ​​of the twentieth century: democracy, pluralism, popular consensus. We had hoped with him and suffered from his worldwide isolation. Allende did not like "the Russians and the Americans." As in Italy for Moro, threatened by Kissinger, and for Enrico Berlinguer who had originated the proposal of the historical compromise precisely from the Chilean events.

Another great Chilean director, Miguel Littнn, talks about it in Moretti's film: "A humanist and democratic socialism, this was Allende's wager, which distinguished the Unidad Popular government from all the other socialisms existing at the time, hierarchical regimes, very authoritarian, even dictatorial ». That dream was also interrupted by the divisions of the left, always torn between maximalism and reformism and divided internally.

Allende seemed, then, a lonely man. Only with his people. And this made him love. For us, who were boys then, Chile was a brother. We wept hearing Victor Jara - later killed with the barbarism of Russian roulette in the lager of the Santiago stadium - singing the poignant "Te recuerdo Amanda". It seemed to us, rightly, that there was a resurgent Nazism to fight, thirty years later. And that this concerned us, one by one. Looking back at them now, in Moretti's film, the torturers look like stubborn Martians.

What a paradox to think today that for hundreds of thousands of Italian children Chile, a distant country, was the reason for an incessant, daily civil commitment: leaflets, demonstrations, school assemblies, concerts with the Inti Illimani. And, as Moretti's film clearly recalls, it was also, for many Italian companies and families, to look for a job or a bed for these political exiles, who fled from afar and hosted as brothers in the homes of the province of our country . Is something similar conceivable today? Or are we not instead overwhelmed by a new rhetoric?

We have substituted hatred for values, selfishness for altruism, indifference to sharing. We are scared, curled up. If a Maltese journalist is blown up, a Turkish intellectual imprisoned, or a Saudi reporter beheaded in a consulate, no one does anything but a tweet dripping with indignation. The globalized and networked world has made us distant and strangers.

When Michelle Bachelet let me into the Moneda, the presidential palace bombed by the putschists, and showed me Allende's study and the sofa where he was found disfigured in the face, I felt that all of that was part of my life. When I went to Villa Grimaldi, where 4,500 people were tortured, I saw with pain the places my Chilean friends had told me about, tortured with electricity applied to the vagina or male genitals.

Italy did well with Chile. Christian Democrats, Socialists, Communists were bravely united against the Nixon-backed dictatorship. The Chileans took refuge in the Italian embassy, ​​hundreds of them. In Moretti's film, there are touching images of the corpse of Lumi Videla, a girl whose body was thrown by regime agents into the Embassy garden to construct the lie of her death during an orgy.

Chile, calling into question freedom and dictatorship, does not allow, as Moretti says, "to be impartial". And life, the environment, our future do not really allow us to be "indifferent".

If we had been, at Villa Grimaldi we would still shout.


Snow in the desert 2021

Snow in the desert, Sahara whitened (that's why the weather has gone crazy) The snow has covered the desert giving life to a spectacle of incredible beauty. It is the fourth time in 40 years Arrived in the desert. Here we are in the desert, the last bus stop, a flight of stairs and here you are with your feet immersed in the golden sand. You will notice that there are camels, yes, but they are there only to attract people, however, in case you are interested in a ride they are 1300 yen for one person and 2500 for two Home ideias e projetos Nossa revista Nuovo Progetto Artigos Neve nel desert Nossa revista New Project Última edição Obrigatório All issues Subscrição Editoriais Secções Collaborators Yonas & Senait Archive The Manifesto Focus Arsenals The Rule of Sermig. The remarkable thing is that Aïn Séfra is located in the Sahara desert, and that the snow has settled .. The snow has fallen on the Sahara for the second consecutive winter in 40 years now. In fact, between the end of 2016 and the beginning of 2017, about 80 cm of snow had fallen in some areas of the Sahara The snow in the desert is comparable to other anomalous weather phenomena that are repeating themselves in recent years (see the Siberian frost on Italy in 2017 but also the current floods and frosts in the United States) which, according to some are part of the normal recurrence of climatic events, for others they are signs of changes taking place

Snow in the desert, white Sahara (that's why the weather

Ski Dubai: Snow in the Desert - See 10,118 unbiased reviews, 5,088 traveler photos, and great deals for Dubai, UAE on Tripadvisor Elections 2017. Regional elections snow in Saudi Arabia, La snow in desert it is even more effective if we compare it to what happened in our latitudes exactly 35 years ago.

The snow has arrived in the Sahara desert, the dunes usually covered with orange sand have turned white. An unprecedented show for tourists and locals. The images The snow has covered the red sand dunes, giving l.

In the desert of Tottori »A Sicilian under the snow

  • In Algeria, in Ain Sefira, a layer of snow, up to 40 centimeters high, covers large portions of the North African desert, in an area where in summer the
  • AFP / Getty Images Flowers bloom at the Huasco region on the Atacama desert, some 600 km north of Santiago, on August 26,2017. In years of very heavy seasonal rains a natural phenomenon known as the ..
  • Home Ideas and projects Our magazine New Project Articles Snow in the desert Our magazine New Project Last issue Covers All issues Subscribe Editorials Columns Collaborators Yonas & Senait Archive The Manifesto Focus Arsenals Reflections in time of.
  • Photos of the snow in the Sahara desert. TSA adds that in all, about 40 centimeters of snow fell, which melted in the afternoon with the arrival of warmer temperatures.
  • Atacama Desert- Chile. 04 Apr 2014 116 comments. by ventisqueras in D'amore, To travel, Poetry, history Tags: Chile, Andes mountain range, Atacama Desert, flowery desert, mummies, snow in the desert, Pacific Ocean, astronomical observatory, San Pedro de Atacam
  • Snow has fallen on the Sahara for the second consecutive winter in 40 years. In fact, between the end of 2016 and the beginning of 2017, about 80 cm of snow had fallen in some areas of the Sahara. The event was considered exceptional, but now it has happened again. Here are some photos and videos of this unusual phenomenon
  • In about 40 years in the Sahara desert it has snowed only 3 times, once in 1979 while the other two in recent years, i.e. in the winter of 2016-2017 and the last time this year, on January 8, while in Italy there was a rise in temperature thanks to sirocco and libeccio winds that blew right from Africa

The particular weather conditions of these days have brought snow on the North African desert and sand on the Mediterranean. Snow has fallen on the Sahara for the second consecutive winter in 40 years. In fact, between the end of 2016 and the beginning of 2017, about 80 cm of snow had fallen in some areas of the Sahara Enjoy the snow in the desert at Ski Dubai. Photos about exclusive, restaurant, city, emirates, skate, resort, arabic, desert, architectural, icicles, snow, hill.

Snow in the desert - SERMI

  • Snowfall remains a fairly rare and spectacular phenomenon, but it's not yet time to think about skiing in the desert. In truth, the snow in the Sahara is not a first. Snow fell on Ain Séfra in January 2017 and earlier in December 2016 and January 2012
  • Among the many, even the Atacama Desert, known as one of the driest areas in the world. In particular, it is good to specify that the Atacama desert extends for a length of 2000 km, from north to south, so given the extension there are only some sectors isolated with snow, in particular only on the mountain range of the Andes, as well as the 3000 meters of altitude
  • ice age body
  • Snow in the desert | This event happened 3 times in the last 40 years, two of them in 2017 and this year. Lamma Twitter | MontePoggi Forum
  • Snow in the Sahara desert: it hadn't happened for 37 years (PHOTO and VIDEO) It rains in the Atacama desert: never so much water for 500 years Water from the fog to irrigate the desert and reforest it: the.

Two exceptional rain events between 2015 and 2017 for three rainfall that damaged the balance of the Atacama desert, destroying in some cases even 85% of the peculiar bacterial species. An unprecedented case that could be The first, heavy snowfalls arrived in different areas of Italy, but we are not the only ones to chatter. There are also countries less accustomed than us to having to face the cold. In Saudi Arabia, for example, it snowed in the desert surrounding the city of Al Zulfi. The glimpse of the snow-white sand dunes is spectacular. In fact, between the end of 2016 and the beginning of 2017, about 80 centimeters of snow had fallen in some areas Dubai is famous for the scorching heat and the extreme splendor that can be seen on the street, but in this 2017 there was no lack of the surprise of the snow in the desert

Sahara desert snow 2020 find what is the sahara and

  1. The images of the snow in the desert are truly extraordinary. They come from Ain Sefra, the 'gateway to the desert': in the town of Algeria the saffron-colored dunes of the Sahara have been covered.
  2. An unusual sight that of the Sahara desert whitened by snow. The photos were taken in Ain Sefra, Algeria where a layer of snow fell, up to 40 centimeters. Here d.
  3. Find A Snow on GigaPromo, the Price Comparison Site
  4. Photos of the snow in the Sahara Desert Focus.it Snow has fallen on the Sahara for the second consecutive winter in 40 years. In fact, between the end of 2016 and the beginning of 2017, about 80 cm of snow had fallen in some areas of the Sahara. The event was considered exceptional, but now it has happened again
  5. Love at the center, the memory that breaks the heart and dreams. A desire destined to remain unsatisfied, the melancholy that freezes like snow. The snow in the desert Night falls on your eyes
  6. On February 4, 2012, snow fell even in Algiers with an accumulation of about 20 cm and the freezing air brought snow also to the Sahara Desert. In central and eastern Europe there have been strong snow storms for several days with temperatures down to a few tens of degrees below zero (-36 ° C in Serbia and Russia, -30 ° C in Poland and Ukraine, -20 ° C in Germany and Romania)

Weather: snow in the Sahara, the spectacle of changes

Snow in the desert. OFF LINE messages. silvio'74. Posts: 2,555. 0 0 12/01/2018 12:06. This event happened 3 times in the last 40 years, two of them in 2017 and this year. Lamma Twitter _____ The pen is the writer's forge. Discussion tag snow in the desert Notes on Meteorology and Climatology. Log in. Switch to version. [10 June 2020] ITCZ ​​low, a point against North African anticyclones Under the lens [10 June 2020] Still thunderstorms, here is where they will be most likely and strong Wednesday 10 June Latest news [9 June 2020] Wednesday 10 unstable especially in the center -north, fresh everywhere. Forecast 07 Apr 2017 From Marrakech to Ouarzazate: towards the desert with snow. Africa From Marrakech to Ouarzazate there is from one point of view: on one side the desert, on the other the snow. And the most fascinating thing is that these scenarios have alternated again on the opposite side

Snow in the desert - Reviews of Ski Dubai, Dubai

  • On the snow you know how I feel if you have read my post on the ski week. My husband skies very well, I manage and I still like it a lot, if I could I would make it even longer. Leo is literally kidnapped by this sport and by the mountains and on the day of the return home while we were driving down the road to go down to the valley, leaning against the window, looking at the mountains and crying
  • A whitewashed Sahara: these are the spectacular images that are becoming popular on social networks. The dunes, usually covered with sand, today have forty centimeters of snow.The Sahara desert is one of the hottest places in the world but this year winter has also arrived here
  • Rare snowfall in northwestern Algeria: here is the snow in the Sahara desert seen from space It is the third time in almost 40 years that this part of the Sahara desert has seen snow

Upside down winter: snow in Saudi Arabia, in London

  1. Who would have thought, 10 years ago, that one day we would have the chance to see (and maybe try) a Lamborghini in the dunes of the desert or among the snowy forests of northern Europe? Yet, today we are here, a few days after the official presentation of the first sporty SUV of Lamborghini, heir (but only in segment) of that bizarre LM002 off-road vehicle produced in 301.
  2. The Atacama Desert is known for giving unusual surprises: in August 2017 it suddenly appeared in bloom, colored with pink and white flowers
  3. g Show more Show less. Loading.

Ski Dubai: sciare nel deserto - Guarda 10.123 recensioni imparziali, 5.090 foto di viaggiatori, e fantastiche offerte per Dubai, Emirati Arabi Uniti su Tripadvisor Le foto della neve nel deserto del Sahara Torna all'articolo Torna su. Sezioni. Home Italia Cultura Mondo Economia Politica Sport Tecnologia Media Internet TV Scienza Video Blog . di collaboratore2. Posted on 9 Gennaio 2018. Fiocchi bianchi sulla sabbia rossa, in uno dei posti più caldi al mondo, con una temperatura media che l'estate scorsa ha superato 37 gradi È uno dei posti più caldi al mondo, con una temperatura media di oltre 30 gradi, ma la città di Ain Sefra in Algeria, in mezzo al deserto del Sahara, si è svegliata con le cime coperte dalla neve

Neve nel Sahara, lo spettacolo del deserto imbiancat

Della neve è incredibilmente caduta nel deserto al di fuori della città di Al Zulfi, in Arabia Saudita, regalando a chi era presente uno scenario incredibilmente suggestivo, dove il bianco della neve si contrapponeva al rosso del deserto. Per quanto affascinanti questi scorci possano essere non possono non portare a pensare al fenomeno del cambiamento [. ]Leggi tutto.. Rarissima NEVICATA nel deserto dell'Arabia Saudita. Ecco le FOT Dolomiti nel deserto Autore: Dolomiti nel deserto Prezzo: 27.20 EUR Sinossi. La testimonianza di una rara spedizione in uno degli angoli più misteriosi dell'Africa, il Ciad. Il libro racconta, tramite fotografie, la traversata del deserto e della catena montuosa del Tibesti, dove le montagne sono alte come le Dolomiti e ne hanno lo stesso colore NEVE nel deserto. Climatologia — 19 Gennaio 2016. Tweet. Pensate, grazie a questa buy dapoxetine uk online. free delivery, buy dapoxetine online uk Il deserto di Lut E' la quarta bellezza naturale della terra secondo il National Geographic, e pur essendo situata nel torrido deserto di Lut, a sud-est dell'Iran, attrae turisti da tutto il mondo, anche nel mese di agosto. I Kaloot (equivalente persiano del termine turco e più diffuso Yardang), sono collinette strette e vicine nel deserto, molte volte simili a dei minareti, che creano.

In Vietnam non nevica mai e allora lo snowboarder, Nguyen Thai Binh, ha deciso di allenarsi sulle dune nel deserto. L'atleta 29enne non è un dilettante e nel 2017 ha partecipato ai Giochi invernali di Sapporo, in Giappone. Quella è stata la prima volta in cui il ragazzo ha visto la neve Erano ben 37 anni che la neve non faceva la sua comparsa nel deserto del Sahara. Era il lontano 18 febbraio del 1979 quando la neve Infatti, il Deserto dell'Atacama, conosciuto come il luogo più arido della terra ha visto probabilmente il fenomeno precipitativo più intenso degli ultimi 500 anni e lo ha visto sotto forma di neve. Questo luogo è considerato dagli scienziati della NASA come il luogo sulla terra più simile alla possibile conformazione di Mart Il forum di MeteoLive.it Il più autorevole ed antico forum di Meteorologia italiano, il primo creato in Italia, attivo fin dal 29 novembre 199

Fortissima nevicata nel deserto del Sahar

  • imo solare incombe e subito si ripercuotono le prime conseguenze a livello globale. Mentre impazza la novella del 2017 come l'anno da record per quanto riguarda le temperature a livello globale, accadono eventi che non danno l'impressione di anni sempre più caldi, ma al contrario che siamo diretti verso eventi sempre più estremi e freddi
  • Arizona, lo spettacolo della neve nel deserto - Cactus e sabbia imbiancati negli Stati Unit
  • Niente di più lontano dalla realtà, in quella zona aveva nevicato il 21 gennaio del 2017, prima ancora nel mese di dicembre 2016 e nel gennaio 2012. Neve incredibile fin verso il deserto del.
  • Mentre sulle Alpi, per non fare in confronto con gli Appennini, si spara neve a tutto spiano, sulla catena dell'Atlante in Marocco e in Algeria, si scia su una consistente distesa di neve naturale.Come ben sappiamo la neve sul bordo del deserto del Sahara è un fenomeno raro, ma negli ultimi anni si sta manifestando via via più spesso. Il 19 dicembre 2016, quindi qualche giorno fa, la neve.
  • Accompagnati dal Kaliburan, la tempesta di sabbia nel deserto, arriviamo a Bukara, la capitale dell'omonimo Kanato che tanta storia ebbe nel Grande gioco tra l'impero dello Zar di Russia e l'Inghilterra con la Compagnia delle Indie
  • Anche se sembra un fenomeno inusuale, non è la prima volta che il freddo e la neve ci sorprendono in questo modo. Anche nel 2016 è successo qualcosa del genere. Dopo Natale tutto è diventato un vero caos quando il trasporto pubblico è stato sospeso e la gente non poteva neanche uscire da casa a causa del ghiaccio. E qualche decennio prima, nel 1979, la neve aveva già ricoperto il deserto.
  • Gennaio 2017 neve nel salento cecilia margarito. Loading Le neve imbianca il deserto del Sahara: l'evento eccezionale che incanta tutto il mondo - Duration: 1:56

Inverno nel deserto: le straordinarie immagini della neve

  • La nevicata del 1985, nota nell'Italia Settentrionale come nevicata del secolo, fu una precipitazione nevosa che si abbatté su gran parte dell'Italia centro-settentrionale fra il 13 e il 17 gennaio 1985, provocando grandi disagi, causata dalla contemporanea ondata di fredd
  • See on Scoop.it - Neve & ValangheUn evento record nella città che si trova nel deserto cileno, una delle aree più aride del globo.Non era mai successo, negli ultimi tre decenni. Una rara ed imponente nevicata ha imbiancato la città di San Pedro de Atacama, nel deserto cileno, una delle zone più aride del mondo
  • Home › Gallery › Eventi › Neve nel deserto del Sahara: le foto dall Ecco il manto bianco che ha coperto ancora una volta le sabbie rosse del deserto del Sahara, presso Aïn Séfra, in Algeria. Nel 2017 la festa delle colline più belle. Eventi Orgoglio Italia: un brindisi a Expo. Eventi. Editoriale: viaggiare per incontrare
  • Meteo impazzito: mentre in Arabia Saudita nevica, a Londra fioriscono i mandorli. L'inverno 2020 sta portando diverse sorprese. Lo scorso venerdì le gobbe del deserto del Sinai sono state ricoperte da una coltre bianca, un fenomeno piuttosto raro che ha fatto rimanere di stucco gli abitanti che non sono per nulla abituati a queste temperature rigide
  • Algeria: Neve nel deserto del Sahara teobaldosemoli La cittadina di Aïn Séfra , in Algeria , si è svegliata qualche giorno fa sotto la neve , per la terza volta nella storia
  • Per la seconda volta nell'arco di 40 anni, le dune del deserto del Sahara in Algeria sono state imbiancate dalla neve. É successo l'ultima volta nel dicembre 2016, ma prima di allora la neve è comparsa in questa regione del mondo nel febbraio del 1979.In effetti la neve compare piuttosto raramente in questa zona e, ogni volta che succede, la notizia fa il giro del mondo
  • Leggi su Sky Tg24 l'articolo Neve nel deserto, il Sahara si Domenica 7 gennaio uno strato di neve di circa 40cm si è posato 10 tonnellate di ghiaccio scolpito per l'Icefest 2017.

La neve è scesa sul deserto del Sahara, il più grande del mondo, e ha imbiancato le dune. Alcuni turisti hanno immortalato il momento storico di una nevicata nel deserto. La neve era scesa anche lo scorso anno, tra la fine del 2016 è l'inizio del 2017 quando, in alcune zone del Sahara, erano caduti circa 80 cm di neve Faysel: la neve nel deserto. Quando la poesia spezza le catene. Faysel: la neve nel deserto. Agensir. Da Redazione il 12 Ago, 2017. 72. Condividi. Dodici detenuti per dodici poesie, il Sir dà voce al progetto FreeFromChains (liberi dalle catene) che dà voce ad alcuni carcerati di Rebibbia È la quarta volta che succede in 40 anni: ha nevicato nel deserto del Sahara (ad Ain Sefira, in Algeria in particolare), uno dei luoghi più caldi e secchi del pianeta in cui le temperature superano spesso i 40 gradi (nel 1979 una tempesta di neve ha paralizzato il traffico algerino).Allarme clima pazzo in tutto il mondo? Secondo i meteorologi la ragione del bizzarro fenomeno sarebbe l'alta. . Questa è la peggior tempesta di neve dal 1950 avvenuta. Neve nel deserto del Sahara: lo spettacolo in Algeria La piccola città di Aïn Séfra, in Algeria, si è svegliata qualche giorno fa sotto una coltre di neve - di E.B. /CorriereTv CONTINUA A.

Neve nel deserto del Sahara: non accadeva da 37 anni 9 Gennaio 2018. 13 Dicembre 2017. Dopo una violenta bufera nel Midwest la scorsa settimana, Seph Lawless ha immortalato un centro commerciale abbandonato sommerso dalla neve Neve: 5 consigli utili per guidare in sicurezz Nei primi giorni di gennaio 2018 circa 40 centimetri di neve hanno coperto alcuni parti del deserto del Sahara. Vi mostriamo le immagin , e se quest'anno non avremo ondate di calore estreme, derivanti sempre dal meteo estremo che ormai è diventato normalità, saremo fortunati 2017. 23. GEN. In pubblicazione il 23 GEN 2017. La neve è giunta fin sul deserto! La neve, però, si è spinta fin sul deserto, come potete ammirare da queste immagini del Sahara in Algeria di Karim Karim Fonte Articolo: Andrea Raggini . Tags: Neve. neve deserto. africa. Algeria. 8 SET

Pioggia e perfino neve nel deserto più arido della Terra

Ogni missione Sentinel, il programma ne prevede 6 complessivamente, è basata su 2 satelliti. Il primo della coppia, Sentinel-2A, è stato lanciato il 23 giugno 2015, il gemello Sentinel-2B il 7 marzo 2017. Sorgente: La neve nel deserto, fotografata dallo spazio - Terra & Poli - ANSA.i Il deserto del Sahara copre quasi tutto il Nord Africa ed è il più caldo e secco del mondo ma, negli ultimi anni, gli eventi atmosferici anomali sono stati moltissimi. Tutta la zona del Magreb, i n questi giorni, ha subìto un drastico calo termico. La neve del Sahara si sta già sciogliendo, ma lo spettacolo resterà scritto negli annali Quando ti avrò raggiunto e ti avrò trovato, nel deserto cadrà la neve e ricoprirà tuttto. Ma non sarà freddo, perchè l'amore e la felciità non sono freddo, sono calore. La neve feconderà la terra, il deserto non sarà più solo polvere e desolazione, nel deserto cresceranno i fiori Attualità / Neve, un milione di euro per gli impianti sciistici della Toscana. Un sostegno che non è solo destinato alla manutenzione degli impianti, ma anche alla promozione dello sviluppo turistico ed economico dei comprensori interessati La nevicata nel deserto dell'Arabia Saudita è avvenuta nei pressi della città di Al Zulfi, dove è caduto perfino qualche fiocco. La neve ha accumulato circa 2-3 centimetri nel deserto, e si è sciolta rapidamente con i primi raggi del sole

  1. UNA GIORNATA DI NEVE NEL DESERTO La prima nevicata della storia in questa zona è avvenuta il 19 febbraio 1979, quando i fiocchi sono scesi solamente per mezz'ora. Ieri, invece, la neve ha ricoperto il deserto del Sahara sia di giorno che di notte, regalando uno spettacolo insolito durante le prime ore del mattino di oggi
  2. Questi giorni siamo stati invasi dalla neve, non potendo uscire o preferito dedicarmi alla cucina. Ho preparato questi deliziosi dolcetti, le rose del deserto, perfetti da servire con il tè o cioccolata calda! Dolci a gogo 9 gennaio 2017 10:57
  3. ime e sporadiche.La vegetazione è rara, l'ecoregione comprende principalmente dune sabbiose (erg, chech, raoui), altipiani rocciosi (), deserto roccioso (), torrenti asciutti e laghi salati. Steppa e boscaglie del Sahara meridionale (PA1329): comprende una stretta fascia che si.
  4. La neve sul deserto dela Sahara, nel Nord-Est dell'Algeria, fotografata dai satelliti Sentinel-2A, è stato lanciato il 23 giugno 2015, il gemello Sentinel-2B il 7 marzo 2017..
  5. Ski Dubai è l'esperienza più da brivido che tu possa vivere nel deserto. In senso sia letterale che metaforico! Concediti una delle esperienze più uniche che tu possa vivere nel deserto. Sessione di sci. Giacca, pantaloni, sci, scarponi da sci, snowboard, scarponi da snowboard, bastoncini da sci, calze monouso e caschi per bambini

Le foto della neve nel deserto del Sahara - Il Pos

1 di 12: spettacolo nel deserto 302874878 Con il quarto successo consecutivo, il quinto in totale, di Rachid El Morabity in campo maschile e della svedese Barnes in quello femminile si è chiusa la spettacolare 32^ edizione della Marathon des Sables Neve nel deserto. 10 gen 2018 | Canale 5. Nel Sahara è caduta la neve, scenario piuttosto insolito da vedere ma da questo clima pazzo ci si aspetta di tutto. Grande Fratello VIP 2017, il debutto! Simona Izzo. GF VIP, l'ingresso dei RIS Giulia De Lellis e Daniele Bossari

Neve nel deserto ventisquera

Il deserto di Atacama è uno dei più aridi al mondo, ma la natura incontaminata e le stelle lucenti come le vedrete da qui non le troverete altrove. Cosa visitare? Vi consigliamo i migliori tour per scoprire al meglio la Valle della Luna, le Lagune Altiplaniche, i Geyser del Tatio, le lagune salate al 97% e tanto altro Emergenza maltempo neve e ghiaccio. Ultimo aggiornamento della protezione civile diffuso anche dal comune di Genova. Il Centro Funzionale Meteo idrologico di Protezione Civile della Regione Liguria ha emesso in data odierna l'allerta per neve e gelo prevista sul territorio di Genova 10 Marzo 2017 By mimma 4 Comments Mentre ero in vacanza sulla neve, tutto il mondo mi taggava su facebook per suggerirmi un libro che è ormai alla ribalta della cronaca come caso editoriale. Storie della buonanotte per bambine ribelli - 100 vite di donne straordinarie Piove al Mottarone nevica nel deserto del Sahara. per la precisione la neve ha ricoperto le dune arancioni a Ain El Safra in Algeria occidentale. La neve era visibile anche dalle immagini satellitari, Valanghe 2017

Le foto della neve nel deserto del Sahara - Focus

  1. escence. Snow on the Sahara, il brano che l'ha resa famosa nel 1997 è una bellissima dichiarazione d'amore e di fedeltà in cui la metafora del far cadere la neve sul deserto, significa compiere l'impossibile per alimentare la relazione.I brani che compongono l'album sono sostenuti dalla bellissima voce di Anggun forte e delicata al.
  2. Neve nel deserto? E' l'AGW Aggiornato al 2017. Figura 3 - Anomalia media rispetto alla temperatura media annua del trentennio 1961-1990. La linea nera è la media mobile con periodo 10 anni e serve per allisciare la variabilità di breve periodo. Franco Zavatti - Sono Scettico
  3. L'inizio dell'inverno è collocato indicativamente al 22 dicembre, quando ha luogo il solstizio. Esso, che coincide con l'ingresso del Sole nel segno del Capricorno, risulta nell'emisfero boreale il giorno con il dì più breve e la notte più lunga. In seguito, le ore di luce acquistano progressivamente maggior lunghezza. Altri elementi ricorrenti della stagione invernale sono il freddo e il.
  4. Non più di 5 millimetri. Nonostante le premesse del maltempo con neve su Alpi e Domodossola non erano esaltanti per i millimetri previsti di precipitazioni, tra i 10 e 15, si è fatto anche di peggio, poche le precipitazioni sul VCO nella serata di ieri e nelle nottata di oggi.. Si sapeva anche che con poche precipitazioni il rischio era che nel Cusio e nel Verbano la neve si potesse fermare.

Neve nel deserto del Sahara, tutta colpa del caldo che c'è in Europa Secondo gli esperti, la causa sarebbe l'alta pressione che imperversa sul vecchio continente e che contribuisce a spingere l'aria fredda verso il Nord Africa Nessuna registrazione è richiesta. 360.466786. i testi prima neve nel sahara sono citati in italiano o in traduzione italiana. il 19 dicembre, la neve è caduta sui confini del deserto del sahara, ricoprendo le rosse dune di bianco per la prima volta in 37 anni nel caso del sahara, già precedenti studi hanno documentato come l'allevamento di bovini, ovini e caprini sia iniziato ben prima. Non si deve pensare ad un tour nel deserto del Marocco come qualcosa di impossibile o da farsi solo in certi periodi dell'anno. Un tour nel deserto del Marocco è magico in qualunque stagione, anche in estate perchè il caldo secco è quasi piacevole, sempre ventilato anche se le temperature sono elevate di notte l'aria [ Deserto ci richiama qualcosa di arido, luogo di fame e di sete. Di fatica e di smarrimento. Nella fede, nel cammino della vita, il deserto diventa quel luogo in cui l'uomo, toccato dalla provvisorietà, si rende disponibile all'incontro con se stesso, con gli altri e con Dio. Il deserto invita a prendere in mano la propria vita

Cambiamenti climatici: nevicata record nel Deserto del Sahar

Domenica ha nevicato ad Aïn Séfra, una città nel nord-est dell'Algeria vicino al confine col Marocco. La cosa notevole è che Aïn Séfra si trova nel deserto del Sahara, e che la neve si è posata sulle dune di sabbia che circondano l'area. Secondo un giornale locale, TSA Algeria, è la quarta volta che accade negli ultimi 37 anni ALLUVIONE nel deserto di Atacama in 12 ore caduta la pioggia di 7 anni! DETTAGL 24 marzo 2017. Un'orice d'Arabia (Oryx leucoryx) tra le dune del deserto, all'interno del Santuaruio dell'orice d'Arabia di Um al-Zamool, negli Emirati Arabi Uniti, al confine con l'Arabia Saudita La neve non ha solo imbiancato le cime del Djebel Antar, il punto più alto della catena montuosa, ma si è anche posata più a valle sulle dune di sabbia del deserto del Sahara. La straordinaria nevicata ha un solo precedente nella storia, nel 1979

COMUNICATO UFFICIALE. Tutto pronto per la prima traversata invernale del Deserto del Gobi in bici da corsa. L'ultracyclist romano Omar Di Felice, 39 anni, si accinge a partire per il tentativo di attraversamento del Deserto del Gobi, in inverno, in bici da corsa.. Dopo aver già realizzato alcune imprese estreme in ambiente artico (Through the arctic Highway, Canada e Capo Nord. A Gerusalemme e ad Amman le strade si sono coperte di un fitto strato di neve e una spruzzata ha imbiancato anche Palmyra, nel deserto siriano. Uno spettacolo insolito, ma la neve sulla costa asiatica del Mediterraneo non è un evento così raro come si pensa: anche nel 2010 i tetti di Betlemme si sono imbiancati e nel 2008 la neve è arrivata fino a Petra, nel deserto giordano

+201000524214 [email protected] Kenedy Mall, Via El Salam, Di fronte all'ospedale Soth Sinai, Sharm El Sheik Da più parti si è parlato di un evento mai visto prima o della prima volta in tanti decenni. Niente di più lontano dalla realtà, in quella zona aveva nevicato il 21 gennaio del 2017, prima ancora nel mese di dicembre 2016 e nel gennaio 2012. Non. Nell'ultima immagine si può ammirare un magnifico arcobaleno incastonato fra le virghe di neve che solcano il cielo durante il tramonto. Non siamo nel nord Europa ma in Asia centrale, nel Gobi, il deserto più grande del continente asiatico. Copre quasi tutta la Mongolia settentrionale e le regioni della Cina settentrionale interna, dove il deserto Il deserto di Atacama, pubblicato il 29 agosto 2017 alle ore 16:38. Il deserto di Atacama, Dubai imbiancata, cade la neve sul deserto play 151 • di ViralVideo La neve aveva sommerso la mia auto, riuscivo a vederne, dalla finestra della cucina, solo alcune parti. Nel cofano c'è un cadavere. L'ho messo lì ha girato il cortometraggio I'm a Swan (2017) e Dove urla il deserto (2019) e partecipato ad esposizioni collettive. Ha collaborato alla rivista scientifica lo Squaderno, e da.

2018: Le foto della neve nel deserto del Sahara - SOLO

  1. Nevica nel deserto del Sahara. Nei giorni scorsi, è nevicato nel deserto del Sahara, il più caldo del mondo. E' la seconda volta, nella storia, che il deserto africano accoglie fra le sue dune candida neve. E le immagini che giungono sono veramente emozionanti e inusuali
  2. are in una pianura sconfinata, come un deserto o una distesa di neve. Di vagare e vagare senza meta. Ma non so nemmeno dove sono, perché tutt'intorno c'è u
  3. evoli condizioni nel libro Incontro nel deserto. Fu arrestato, poi forse addirittura ucciso dai nostri servizi segreti. Se come al solito, ci fu una componente di incuria e inefficienza, l'obiettivo non confessato era di liberare il più possibile la Libia della sua popolazione indigena
  4. Le Dolomiti nel deserto. L'irragiungibile Tibesti, in Ciad Prezzo: 20.00 EUR La testimonianza di una rara spedizione in uno degli angoli più misteriosi dell'Africa, il Ciad. Il libro racconta, tramite fotografie, la traversata del deserto e della catena montuosa del Tibesti, dove le montagne sono alte come le Dolomiti e ne hanno lo stesso colore
  5. Dopo settimane di piogge neve e grandine nel deserto del Sahara si sono formati dei bacini di acqua.Delle vere e proprie riserve di acqua, oasi nel deserto piu' famoso del mondo. 24 febbraio 2017 13:03 Posta un commento. Post più recente Post più vecchio Home page. Iscriviti a: Commenti sul post (Atom
  6. Välkommen till Svenska - Neve come nel 1997, ma senza campo bianco. TUTTOmercatoWEB.com. vedi letture condividi tweet . venerdì 10 novembre 2017 08:00 perché non è una cattedrale nel.
  7. Trend meteo settimana: novità, avremo una settimana con temporali 21 Maggio 2017 Meteo instabile: temporali, ma anche sole 20 Maggio 2017 Forti temporali verso il Nord, e caldo in aumento al Centro e Sud, ma poi peggiora 19 Maggio 2017 Da giovedì sera, forti temporali verso il Nord, e caldo in aumento al Centro e Sud 17 Maggio 2017

Questa non è una candida neve, ma l'incredibile spettacolo regalato dal al-Sahra al-Bayda, il Deserto bianco del Sahara: una distesa sabbia bianca modellata dal vento fra le oasi di Farafra e. Per fare un esempio pratico, nel 2017 la popolazione umana ha avuto bisogno in tutto di 18 terawatt: Il deserto del Sahara ricoperto di neve: record di fiocchi 8 Trova la foto stock perfetta di strada del deserto. Enorme raccolta, scelta incredibile, oltre 100 milioni di immagini RF e RM di alta qualità e convenienti. Nessun obbligo di registrazione, acquista subito Il Marocco gode di un clima temperato mediterraneo a nord e lungo la costa, con estati calde ed inverni miti. Il clima è molto vario a causa della differente natura geologica. Nelle regioni costiere il clima è generalmente mite, ma soprattutto in quelle del nord, a seconda delle stagioni ci si può aspettare anche fredd


Cile, ‘Il deserto fiorito’ [Video]

Il deserto di Atacama, nel Cile settentrionale, secondo la NASA, il National Geographic e altre pubblicazioni, è il deserto più arido del mondo.
Qui si verifica un fenomeno naturale che si verifica occasionalmente nelle stagioni piovose, che permette alla natura di fiorire, e dura approssimativamente 3 mesi. Questa fioritura del deserto è la ragione per cui questo deserto viene chiamato El Desierto Florido (Il Deserto Fiorito). Guarda le foto sopra, e i video sotto.

Su questo sito (http://www.myristica.it/jul-2001/deserto_fiorito.html) si legge quanto segue:
‘Quando l’anticiclone del Pacifico, che provoca il deserto, si sposta a nord grazie alla corrente “El Nino”, accade il miracolo: piove. In poche ore il deserto si trasforma in un immenso giardino fiorito, ricoperto da un tappeto di piccoli fiori colorati. Questo fenomeno non avviene in modo estensivo ogni anno: l’ultima volta è avvenuto nel settembre del 2000, e prima accadde nel 1997, ma il più suggestivo fu nel 1991. Prima di allora si ricordano fioriture straordinarie solo nel 1967, 1972 e 1987. I fiori cominciano ad apparire in settembre e continuano a fiorire fino alla fine di dicembre, completando il loro ciclo di vita: germinano, fioriscono, si disseminano e muoiono in poche settimane, ma il ciclo riprende in marzo, quando gli insetti cominciano ad uscire e il processo biologico può terminare. Spesso fioriscono in sequenza, così che un paesaggio che fino a poco prima era grigio e privo di vita, si presenta prima rosso, dopo poche settimane giallo e infine blu. Sono state riconosciute oltre 200 specie di piante …’.

Naturalmente, noi sappiamo che questo fenomeno avviene per volere di Dio, che opera affinchè questo deserto fiorisca quando vuole Lui.

Credo dunque che ‘Il deserto fiorito’ sia un ottimo esempio per spiegare il concetto che come il deserto fiorisce per volere di Dio così anche l’uomo nasce di nuovo per volere di Dio e non grazie al suo cosiddetto ‘libero arbitrio’.


Invasione (pacifica) di libellule a Torino: un fenomeno annuale tipico di agosto

Negli scorsi giorni molti abitanti di Torino hanno pubblicato sui social spettacolari foto di balconi completamente invasi da libellule giallo oro. Lo stupore di poter vedere un numero così grosso di questi leggiadri insetti si è manifestato in tutta la città, ma con una concentrazione maggiore nel quartiere di Borgo San Paolo. La domanda ricorrente che accompagnava le foto era: ma cosa fanno?

Molte testate locali hanno un po’ ingigantito la notizia creando allarmismo, cercando di farla passare come un segno di chissà che catastrofe imminente, conseguenza del surriscaldamento globale.

Il fenomeno in realtà a quanto pare si verifica con una cadenza quasi annuale, puntualmente nella prima settimana di agosto. Ricorrendo a Google, abbiamo trovato un articolo datato 1989 nell’archivio de La Repubblica. Addirittura, scavando ancora più a fondo, siamo risaliti ad un’osservazione del naturalista Vittore Ghiliani che ha documentato lo stesso fenomeno nella metà del 1800. Quindi non è un fenomeno recentissimo.

Cominciamo subito con lo specificare che la Anax ephippiger, nome scientifico di questa bellissima libellula, non è un insetto dannoso, né per l’uomo, né in agricoltura. Anzi, dal momento che si nutre di zanzare, sia allo stadio larvale, che da adulte, una presenza massiccia di libellule non può che essere una nota positiva. Dunque se proprio si vuole usare il termine “invasione” è del tutto pacifica.

Gli avvistamenti degli sciami avvengono perlopiù nelle ore serali, quando c’è una maggior concentrazione di zanzare.

La Anax ephippiger, chiamata anche imperatore vagabondo, è una specie proveniente dal Nord Africa. Si riproduce in acque ferme, ma non si riproducono nelle vicine risaie vercellesi, come si potrebbe ipotizzare, in quanto con le nostre temperature in inverno non potrebbero sopravvivere. In realtà Torino e le zone limitrofe rappresentano un punto di passaggio, una tappa obbligata, nel loro itinerario migratorio. A testimonianza di quanto affermato, è la durata del fenomeno che dura pochissimi giorni. Infatti già nella seconda settimana di agosto non sono stati più segnalati avvistamenti.

In conclusione, le Anax ephiger, pur essendo termofile, ovvero amano gli ambienti caldi, non vengono attratte dalla città a causa dei cambiamenti climatici, ma semplicemente migrano.

Quindi niente allarmismo e godiamoci lo spettacolo!


Video: Extremely Large Telescope - Deep Sky Videos


Previous Article

Choosing Tools For Kids: Child Sized Garden Tools For Pint-Sized Gardeners

Next Article

Pasque Flower Care: Learn About Pasque Flower Cultivation